INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza dinavigazione su questo sito web, Aulss 6 Euganea utilizza diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertisng cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Nella pagina della Informativa Estesa che può consultare QUI sono presenti le istruzioni per negare il consenso all’installazione di qualunque cookie. Cliccando su “ACCETTA” o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell’informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Re.to UE 2016/679 ACCETTA
> Contributi per persone con handicap che applicano i metodi Doman, Vojta, Fay, Aba, Perfettio Feldenkrais

Contributi per persone con handicap che applicano i metodi Doman, Vojta, Fay, Aba, Perfetti o Feldenkrais

Scadenza presentazione domande: 31 agosto 2020

La Regione Veneto con L.R. n. 6/99, successive modifiche ed integrazioni, L.R. n.16/2016 e L.R. 44/2019, ha previsto l’erogazione di un contributo per i cittadini portatori di handicap psicofisico, certificato ai sensi dell’art.3 della L.104/92, residenti nel Veneto (da almeno 6 mesi alla data della presentazione della domanda) che utilizzano i metodi riabilitativi Doman, Vojta, Fay, Aba, Perfetti o Feldenkrais.
La domanda di contributo deve essere presentata dal cittadino in condizione di disabilità psicofisica o dal suo rappresentante legale (tutore – curatore - Amministratore di sostegno - genitore per minorenni), utilizzando il modello predisposto e allegato.
La Regione Veneto riconosce un contributo sulla base delle spese documentate, non coperte da concorso sanitario, sostenute in applicazione dei Metodi sopracitati, per le prestazioni effettuate nell’arco temporale dal 01/06/2019 al 31/07/2020.
Solo per il Metodo Feldenkrais il periodo è dal 29/11/2019 al 31/07/2020.

La consegna della documentazione può avvenire:
  • tramite servizio postale con lettera raccomandata AR, indirizzata all’A.ULSS 6 Euganea – Casella Postale Aperta 35122 Padova Centro, (farà fede la data di ricezione della stessa all’uff. protocollo e non la data di spedizione)
  • tramite PEC all’indirizzo: protocollo.aulss6@pecveneto.it
  • solo su appuntamento a Padova in Via E. degli Scrovegni, 14 - primo piano - Orari: dal lunedì al giovedì dalle 8.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 17.00 e venerdì dalle 8.30 alle 14.00. Telefono: 049 8214018 - dal lunedì al venerdì dalle 13.00 alle 14.00 (negli altri orari è attiva una casella vocale) Fax: 049 8214100.
È importante specificare sempre nella domanda il Distretto di appartenenza.
La documentazione dovrà pervenire entro il 31 agosto 2020.

Eventuali informazioni potranno essere chieste:
  • Distretti Padova Bacchiglione, Padova Piovese, Padova Terme Colli. Ufficio Amministrativo UOC Disabilità e Non Autosufficienza, Sig.ra Rosanna Simonaggio, Tel. 049 8216114, da lunedì a venerdì 8.30 – 13.00
  • Distretto Alta Padovana Ufficio Amministrativo UOC Disabilità e Non Autosufficienza, Sig.ra Daniela Santi, Tel. 049 9424304 da lunedì a venerdì 8.30 – 13.00
  • Distretto Padova Sud Ufficio Amministrativo UOC Disabilità e Non Autosufficienza, Sig.ra Laura Gasparini, tel. 049 9598112 - da lunedì a venerdì 8.30 - 13.00.
I requisiti e le modalità attuative per l’erogazione di detto contributo sono esplicitate nella DGRV n. 864/2009 che saranno di seguito richiamate.
Per essere ammessi al contributo è necessario compilare e firmare il modulo di domanda che deve essere presentato, corredato della seguente documentazione:
  1. Modulo compilato e sottoscritto per il consenso al trattamento dei dati personali, presente nella domanda
  2. copia del documento di identità del richiedente
  3. copia del codice fiscale del richiedente
  4. copia del codice fiscale del beneficiario
  5. copia del documento bancario che evidenzi l’intestazione del conto corrente o carta prepagata (richiedente o beneficiario) e le coordinate bancarie (IBAN)
  6. Dichiarazione rilasciata dal Centro Riabilitativo/Supervisore del progetto riabilitativo che certifichi il metodo utilizzato, il periodo di trattamento e le modalità (domiciliare o presso un centro) di intervento e l’indicazione del medico o del professionista/professionisti associati coinvolti (cognome e nome – qualifica)
  7. Elenco dettagliato della documentazione delle spese sostenute indicando per ciascun documento fiscale (fattura, ricevuta, scontrino fiscale, etc.) il numero e la data, il professionista emittente, il periodo di riferimento del documento e l’importo.
Il tetto massimo di spese ammissibili per ciascun utente è di € 20.000,00.

L’elenco delle spese dovrà essere distinto per:
Sono ammessi documenti fiscali rilasciati dal Centro riabilitativo/Specialista e dagli altri professionisti terapisti/educatori coinvolti nel progetto e specificati nella dichiarazione di cui al precedente punto 6.
Per la rendicontazione, sono ammessi i seguenti documenti:
  • copia di fatture, copia di ricevute - Nelle fatture/ricevute, conformi alla vigente normativa su IVA o bollo se dovuto (per importi superiori € 77,47), devono essere evidenziati:
    • i dati del prestatore del servizio
    • i dati del beneficiario della prestazione
    • metodo utilizzato
    • il periodo di riferimento
    • n. prestazioni o sedute erogate.
  • copia dell’attestazione dell’avvenuto pagamento che può avvenire mediante:
    • fotocopia del bonifico/assegno emesso
    • attestazione di avvenuto pagamento in contanti con firma per ricevuta sulla fattura/ricevuta.
La documentazione sarà ritenuta ammissibile solamente se accompagnata dalla prescrizione dello specialista Supervisore del progetto comprovante che i materiali sono impiegati per il metodo riabilitativo.
Per la rendicontazione, vanno prodotti i seguenti documenti:
  • copia di fattura, ricevuta o scontrino fiscale
  • copia dell’attestazione dell’avvenuto pagamento che può avvenire mediante:
    • fotocopia del bonifico/assegno emesso
    • attestazione di avvenuto pagamento in contanti con firma per ricevuta sulla fattura/ricevuta.
Il viaggio può essere effettuato con mezzi pubblici o privati.
Per la rendicontazione, posso essere prodotti i seguenti documenti:
  • Mezzi pubblici: biglietto di viaggio (treno, aereo, mezzi pubblici al prezzo più conveniente).
  • Mezzo proprio: In caso di utilizzo del mezzo proprio sarà rimborsato 1/5 del prezzo del valore della benzina per Km percorso (prezzo della benzina calcolato sulla base mensile dal Ministero delle Infrastrutture e chilometraggio) e biglietto autostradale.
Per il rimborso chilometrico per visite o terapie svolte fuori città di residenza, è necessario compilare la tabella allegata alla domanda, corredandola con gli attestati di presenza rilasciati dal centro di terapia.
Non saranno ammesse al rimborso ricevute o scontrini fiscali con importi cumulativi/generici.
  • Alloggio: Possono essere presentate spese alberghiere o altre soluzioni di soggiorno nelle località sedi di applicazione dei metodi o limitrofe per il tempo strettamente necessario all’applicazione del metodo e per un importo massimo mensile di € 1.200,00.
  • Vitto: nel caso di soluzioni di alloggio in affitto possono essere presentate spese sostenute presso punti di ristorazione o punti vendita di generi alimentari per un importo massimo di € 200,00 settimanali.

 Per la rendicontazione, vanno prodotti i seguenti documenti:
  • copia di fattura, ricevuta o altro documento fiscale
  • copia dell’attestazione dell’avvenuto pagamento che può avvenire mediante:
    • fotocopia del bonifico/assegno emesso;ì
    • attestazione di avvenuto pagamento in contanti con firma per ricevuta sulla fattura/ricevuta.
Gli originali della documentazione devono essere conservati ed esibiti se richiesti in visione per ulteriori verifiche.
La valutazione della documentazione presentata dall’interessato sarà effettuata in relazione alle disposizioni regionali in materia il cui esito sarà comunicato successivamente al titolare della richiesta.
L’erogazione del contributo è subordinata all’effettivo trasferimento degli specifici fondi da parte della Regione Veneto.

Normativa
  • Legge Regionale n. 16 del 26 maggio 2016 - Contributo ai cittadini veneti portatori di handicap psicofisici che applicano il "Metodo Doman o Vojta o Fay o Aba" e successive modificazioni e norma transitoria
  • Legge Regionale n. 6 del 22 febbraio 1999 - Contributo ai cittadini veneti portatori di handicap psicofisici che applicano il «metodo doman o vojta o fay o aba»
  • Deliberazione della Giunta Regionale n. 864 del 31 marzo 2009 - "L.R. 22 febbraio 1999, n. 6, art. 10 L.R. 19 dicembre 2003 n. 41, art. 41 L.R. 30 gennaio 2004 n. 1 e art. 11 L.R. 16 agosto 2007 n. 23: “Contributi ai cittadini veneti portatori di handicap psicofisici che applicano il metodo Doman o Vojta o Fay o ABA”. Modalità attuative per l’anno 2009."
Ultimo aggiornamento: 21/05/2020
Condividi questa pagina:
Ricerca nel sito